fbpx

Tiranni càvuci a nnu pallunu e rèasu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Tiranni càvuci a nnu pallunu e rèasu
 
Tanti cosi vi vodissa ffèari capiri,
e quanni signu nèatu a cchillu tìampu tristu
quanni si sentìa llu ntinnu e di cincu diri,
quanni si cridìa alli Santi e a Gesu Cristu.
 
Signu crisciutu ccu lli quazuni scighèati,
no ppe lla moda, ma ppe lla troppa pezzentìa
signu crisciutu ccu lli capilli carusèati,
ca tanni i pidùcchia caminàvani ppe lla via.
 
Signu crisciutu ccu ccipulla e ppèanu tùastu,
ccu lardu arrustutu e ppatèati vulluti
ccu ppisci sadèati e ncantarèatu e cùastu,
è mèadu campèatu, ma signu crisciutu.
 
U ciocquagliu mi currìa dde du nèasu,
e ssi mischchèava alli sudura affumichèati,
tiranni càvuci a nnu pallunu e pezzi e rèasu
ccu nnu pèaru e scarpi e di sodi grupèati.
 
Eramu tutti na mantra e cùacci e gadera, mead’azioni allu spissu avìamu e fèari,
intra chilli cavarelli tutt’i jùarni na fera,
bussàvamu alli porti e jìamu a nn’ammuccèari
 
e ppassàvani i jùarni,passàvani mpretta,
passèava llu sudu e ffacìa ppostu alla duna,
criscìanni è arrivèatu u tìampu e da motoretta
e di girèati intr’i chèavi ppe ncuna guagliuna.
 
Ma era pocu u piaciri e lli stèari vicinu,
cci vodìani dinèari ppe lla potiri spusèari
na vadiggia e cartunu e ttantu caminu,
a d’ajjùnciari sordi ppe ppotiri tornèari.
 
E ppu a zita, u mmitu, u banchìattu all’apiartu
a cuntentizza quanni signu diventèatu pèatru,
i cunzigli dunèati ppe ccrìsciari spìartu,
e nna soricella ppe cchiùdari ssu quèatru.
 
Mo u munnu è ccangèatu, è ttuttu mbroglièatu
si su ppersi i valori e nnunn’è ppe llu chèasu,
l’unioni e di famigli è nnu sùannu passèatu,
nu sùannu passèatu, è cchillu pallunu e rèasu.

 

Tirando calci a un pallone di raso
 
Tante cose vi vorrei far capire,
di quando sono nato in quel tempo triste
quando si udiva il tintinnio delle cinque lire,
quando si credeva ai Santi e a Gesù Cristo.
 
Sono cresciuto con i pantaloni strappati,
non per la moda, ma per la troppa povertà
sono cresciuto con i capelli rasati,
perché i pidocchi camminavano per la via.
 
Sono cresciuto con cipolla e pane duro,
con lardo arrostito e patate bollite
con pesce salato e carne di costato,
ho mal patito, ma sono cresciuto.
 
Il muco mi scendeva dal naso,
e si mescolava al sudore annerito,
tirando calci a un pallone, di ritagli di raso
con un paio di scarpe dalle suole bucate.
 
Eravamo una massa di ceffi di galera,
male azioni spesso dovevamo fare,
in quei vicoli tutti i giorni baldoria,
bussavamo alle porte e via a nasconderci.
 
E passavano i giorni, passavano in fretta,
passava il sole e faceva posto alla luna,
crescendo è arrivato il tempo della moto
dei giri nei vicoli per qualche ragazza.
 
Ma era breve il piacere di starle vicino,
ci volevano soldi per poterla sposare
una valigia di cartone e tanto cammino,
a guadagnare soldi per poter ritornare.
 
 Poi le nozze, l’invito, il pranzo all’aperto
La felicità di quando sono diventato papà,
i consigli dati per crescere colto,
e una sorellina per chiudere questo quadro.
 
Adesso il mondo è cambiato, è un imbroglio,
si sono persi i valori e non è per il caso,
l’unione nelle famiglie è un sogno passato,
un sogno passato, è quella palla di raso.
Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!