fbpx

Trèasi bùanu, ìasci madèatu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Trèasi bùanu, ìasci madèatu
 

Èrani i setti e du tria e giugnu,
alli spalli avìa ddoduru,
muglierma “secondo mè un c’appugnu,
ma te dde vìdari u dotturu”.
 
Alla guardia medica simi juti,
a dottoressa m’ha visitèatu
“tutto a posto, niente acuti”
ma però u mmi nna mmannèatu!
 
Ca ppe èsari cchiù sicuri,
ti fa n’elettrocardiogramma,
eccussì ccu nnu pèari e uri,
fa cuntìanti mugliera e mmamma.
 
Ccu lli mèani intra a vrachetta,
na paspèata vicinu u “cosu”
“Si! La prostata è perfetta”
“chiudiiii!! Ch’è ppericolosu!
 
M’èani misu a nnu dettinu,
quattru provetti m’ho ttirèatu,
m’ho pportèatu a nnu stanzinu,
“mo aspetta u risultèatu”.
 
D’èacu mpintu ll’ho ddassèatu,
ccu nnu rubinettu finu,
“Chissi mo cchi ss’ho ppenzèatu?
U vrazzu mia è nna vutta e vinu?
 
Era ffattu menzijùarnu,
n’èatra vota su benuti
“dottorè!! Cchi dè ssu scùarnu”?
“così è la prassi, vanno ripetuti”
 
M’ho ccurchèatu n’èatra vota,
e provetti nèatri quattru!!
“ma ppe mmia, c’è oji a ricota”?
E jestimu u Santu Peatru.
 
Mo però tirèati ss’èacu!
Ca u sangu ll’è finitu
Sign’arridduttu nu fidu e spèacu
ppe nnu semplici chjuritu”
 
N’èatra vota intr’u stanzinu,
allu riroggiu èrani i dua
e dde genti c’era chjinu,
“Cchi ccazzèata puru vua”!
Entri sano, esci malato
 
Erano le sette del tre giugno,
alle spalle avevo dolore,
mia moglie: secondo me, vorrei sbagliarmi
ma ti deve visitare il dottore.
 
Alla guardia medica siamo andati,
la dottoressa mi ha visitato,
“tutto a posto, nessun acuto”
ma però non mi ha mandato via!
 
Per essere più sicuri,
ti fai un elettrocardiogramma,
così con un paio d’ore
fai felice moglie e mamma.
 
Con le mani nelle brache,
una palpata vicino al “coso”
“Si! La prostata è perfetta!
“chiudi! Che è pericoloso!
 
Mi sono disteso su un lettino,
quattro provette mi hanno prelevato,
mi hanno portato in uno stanzino,
“adesso aspetta il risultato”.
 
L’ago al braccio lo han lasciato,
con un rubinetto fine
“questi adesso cosa si pensano?
Il mio braccio è una botte di vino”?
 
Era fatto mezzogiorno,
nuovamente sono venuti,
“Dottoressa, cos’è quest’ingiustizia”?
“Così è la prassi, vanno ripetuti”.
 
Mi sono disteso nuovamente,
di provette, altre quattro!!
“ma per me, c’è oggi il ritorno a casa”?
E bestemmio il Santo Padre.
 
“Adesso però sfilate quest’ago!
Che il mio sangue è finito,
sono ridotto un fil di spago
per un semplice sfizio”
 
Nuovamente nello stanzino,
l’orologio marcava le due
e di gente c’era pieno
“Che cazzata anche voi”!
Io, digiuno e affamato,
“mordevo” chiodi da sette,
dov’era scritta questa disavventura?
E non urlavo per rispetto.
 
Sono pieno di debolezza,
per questa mera situazione,
penso al pane e alla salsiccia
e mi si abbassa la pressione
 
Alle tre una chiamata:
“si accomodi il signor Canino”
La sentenza era arrivata:
“bronchite, ma un pochino”
 
“Una pillola per cinque giorni,
e dolori più non sente”
“Caro dottore lei tiene le corna,
perché io alle sette non avevo niente”!!
 
Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!