fbpx

Trha vicini e chèava

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Trha vicini e chèava
 
“Milli bongiorni Taresina!
Duvi va mprima matina?”
 
“bongiorni a ttìa Ntonetta mia!
Ve camignu ppe ssa via,
ll’ha saputu e du furisu?
Si nn’è jjutu mparavisu”.
 
“Sciùallu mia! E cum’è stèatu?
Forsi forsi era mmadèatu?”
 
“Noni, ca vivìa dde da matina,
e lla curpa è dda cantina”
 
“allura si cci curpa ssudu?”
 
“Sini! Ch’era ttùastu cchiù ddu mudu
e alla pòvara mugliera
ll’ha ddassèatu chilla fera!
Beh! Mo vèaiu ca sinò tricu
E cchini u senta a Fidericu!”.
 
“E aspetta, ancora è pprìastu,
statti ccà e ccùntami u rìastu,
cuntamillu n’èatru gueaiu
sinò a jurnèata u ppassa mmèaiu”.
 
“N’èatru fattu nùavu u sàcciu,
e da figlia e Ntoniu e Tacciu,
dìcini ca si nn’è ffujuta
ccu nnu vìacchiu e supa a Cuta”.
 
“Mahhh!! E de esciuta pazza?
Ch’era d’illa e bona razza!
Unn’avìa propiu medulla?
A chèapa è nnu vedu e cipulla
Surdadura, arrassisìa!!
U ccapitassa mèai a mmia!!
Ca pur’iu tìagnu na fìglia,
e u mmi nni fazzu meraviglia”.
 
“Taresì! Tìani ragiuni
ca pu i genti suni spiuni,
e nun suni cume nnua,
un s’i ffèani i fatti sua!
e nna cosa s’è Quaranta,
a nnu nenti a fèani ottanta!”.
 
“Dici bùanu Ntonettè!!

Nenti mi mporta e chini dè dè,
nua ni facimu i fatti nùastri
supa ssi Santi Patrinùastri,
i genti duvi vùani jiri jìssini,
e cchilli chi vùani fèari facìssini,
mo tu va n’zarbamìantu
ssi parodi si ncollàssa llu vìantu
e dumèanu all’èatra passijèata
fammìlla na bussèata
chisà ti vena mmenti
ncun’èatru fattarìallu vadenti!!”.
Tra vicine di vicolo
 
“Mille buongiorno Teresina!
Dove vai di primo mattino?”
 
Buongiorno a te Antonietta mia!
Cammino per questa via,
l’hai saputo del Forese?
Se n’è andato in paradiso”.
 
“Oh Madonna! E com’e stato?
Forse che forse era ammalato?”
 
“No, perché beveva dal primo mattino,
e la colpa è della cantina”
 
“Allora la colpa è soltanto sua?”
 
“Si! era testardo più del mulo,
e alla povera moglie
gli ha lasciato quella baldoria!
Beh! Adesso vado altrimenti faccio tardi
E poi chi lo sente a Federico!”.
 
E aspetta, ancora è presto,
stai qua e raccontami il resto,
raccontami un altro guaio
altrimenti la giornata non passa mai”.
 
“Un altro fatto nuovo lo so,
riguarda la figlia di Antonio Taccio,
dicono che se n’è scappata
con un vecchio di sopra la “Cuta”.
 
“Mahhhh!! Ed era fuori di testa?
Era lei di buon casato!
Non aveva proprio intelligenza?
La testa è un velo di cipolla,
Dio ce ne scansi e liberi!!
Non capiti mai a me!!
Anch’io ho una figlia,
e non mi facciomeraviglia”.
 
“Teresina! Hai ragione
Che poi la gente è spiona,
e non sono come noi,
non se li fanno i fatti loro!
e una cosa se è quaranta,
in un attimo la fanno diventare ottanta”
 
“Dici giusto Antonietta!!

Niente mi importa chiunque sia
noi ci facciamo i fatti nostri,
su questo Santo Rosario,
la gente andasse dove meglio crede,
e facciano ciò che vogliono,
ora tu vai in pace
queste parole se le portasse via il vento
e domani alla nuova passeggiata
fammela una bussata
chissà a volte ti venga in mente
qualche altro fatterello valido!!”.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!